Le mille e una nota: passaggi musicali tra oriente e occidente, 1

Ensemble della Fujairah Fine Academy Of Arts, Fujairah, Emirati Arabi Uniti


A. Vivaldi, S. Rachmaninov , J. S. Bach, F. Chopin, ,

14-dicembre-2019 19.00
Conservatorio di Musica Luigi Cherubini - Sala del Buonumore Pietro Grossi - Piazza delle Belle Arti, 2, firenze - [mappa]

A cura di: Conservatorio di Musica Luigi Cherubini

Durata: 60'

Fryderyk Chopin (1810-1849)
Polonaise op. 26 n. 1
Shaha Aloali, pianoforte

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Preludio in do minore dal I libro del Clavicembalo ben temperato  BWV 847

Sergej Rachmaninov (1873-1943)
Preludio in sol minore op. 23 n. 5

Bushra Dohai, pianoforte

Antonio Vivaldi (1678-1741)
“Estatedal Concerto no. 2 in sol minore, op. 8, RV 315  

Shayka Aloali, violino
Shaha Aloali, pianoforte

Popolare
Longa hegaz Kar Kord

Mohammad Abdullah Omar Ziyad, qanun

Popolare
Um Saad

Amal Mena, Anwar Alzahmi, Abdulrahman Albloushi, Abdullah Mubarak, Aglam Alkaabi, oud

Popolare
Improvvisazione su un tema popolare arabo

Amal Ahmed, oud
Omar Ziyad, qanun

Popolare
Improvvisazione su canzoni popolari arabe
Jawaher Alamiri, violino

Ali Obaid Al Hefaiti
Longa Nahawand, Andalusian Night

Ali Obaid Al Hefaiti, oud
Omar Ziyad, qanun
Ahmed Abdelsattar, violino
Aldo Dotto, pianoforte
Osama Ismail, contrabbasso

Ensemble della Fujairah Fine Arts Academy, Fujairah, Emirati Arabi Uniti

**

Nell’ambito della prestigiosa serie di concerti dell'edizione 2019 di Strings City, il Conservatorio Cherubini di Firenze presenta alla città due appuntamenti del tutto particolari con giovani strumentisti della Fujairah Fine Arts Academy (FFAA), provenienti dagli Emirati Arabi Uniti. La FFAA, con sede nell’omonimo emirato, è l'unico Conservatorio pubblico del mondo arabo, offre corsi di discipline artistiche musicali e coreutiche, e nel novembre 2018 ha firmato un protocollo d’intesa con il Conservatorio Cherubini per la formazione e la condivisione dei rispettivi patrimoni culturali e musicali. Il concerto di sabato 14, che vede protagonisti allievi e docenti del conservatorio arabo, è dedicato a brani di musica da camera occidentale e a brani della tradizione popolare locale eseguiti su strumenti tipici, lo oud, il liuto arabo, e il qanun, una sorta di cetra.

**

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili. È consigliato presentarsi all’ingresso dello spazio con adeguato anticipo rispetto all'inizio del momento musicale.

condividi: